A ogni capello il suo shampoo: una breve guida per orientarsi correttamente

Donna con capelli biondi lunghi

Lavarsi i capelli regolarmente con uno shampoo è fondamentale per il proprio igiene personale ma… per curare realmente il capello è necessario sottoporsi a un lavaggio con il “giusto” prodotto! E allora come orientarsi correttamente all’interno di una gamma crescente di prodotti disponibili sul mercato?

Ebbene, la prima cosa da fare è capire cosa fa lo shampoo, come usarlo e come questo può impattare sui propri capelli e sul cuoio capelluto. Se infatti è vero che lo shampoo è generalmente destinato a pulire i capelli e il cuoio capelluto da sporco, grasso e prodotti per lo styling, è anche vero che ogni shampoo ha le sue specifiche caratteristiche, e che può ad esempio essere integrato con un balsamo e con altri ingredienti. Il brand Kerastase offre diverse linee di prodotti professionali per coprire un ampio ventaglio di soluzioni!

Capelli grassi o secchi: lo shampoo giusto!

Detto ciò, se il cuoio capelluto tende ad essere grasso, è bene evitare gli shampoo che sono troppo idratanti, liscianti o adatti ai capelli ricci. Questi tendono infatti ad aggiungere troppa umidità al cuoio capelluto (già unto!), peggiorando la situazione. Bene invece cercare le etichette che menzionano termini come volumizzante, rinforzante o riequilibrante: questi prodotti non sono troppo idratanti e sono più efficaci nel rimuovere il grasso in eccesso.

E se invece il cuoio capelluto è secco? Se il cuoio capelluto è asciutto, pruriginoso o ricco di forfora, la scelta dello shampoo giusto può essere la prima linea di difesa contro le condizioni scomode e talvolta imbarazzanti che possono verificarsi. È in questo caso importante scegliere uno shampoo che non peggiora il problema, evitando shampoo che rafforzano, fortificano e volumizzano, perché questi prodotti possono togliere al cuoio capelluto l’umidità necessaria. Meglio invece puntare su shampoo che favoriscono l’idratazione e la ritenzione idrica per il cuoio capelluto secco.

Le altre tipologie di shampoo

È poi utile scegliere lo shampoo in base al tipo di capelli. Quando il cuoio capelluto non è né eccessivamente secco né grasso, potete scegliere lo shampoo in base ai risultati desiderati. Per esempio, uno shampoo idratante è ottimo per aggiungere idratazione, lucentezza e morbidezza ai capelli, divenendo un ottimo alleato per i capelli spessi, ricci o grossi, che necessitano di una idratazione extra.

Uno shampoo volumizzante può invece essere un’ottima scelta se i capelli sono fini o vuoi dare loro una spinta in più senza appesantire la chioma. Uno shampoo rinforzante e fortificante può essere invece ideale per capelli danneggiati, eccessivamente trattati, indeboliti o fragili. Di solito contiene proteine extra per migliorare le caratteristiche della chioma.

Ancora, uno shampoo equilibrante in genere è una buona opzione intermedia, considerato che non è né troppo idratante né in grado di asciugare troppo i capelli e la cute. Lo shampoo per capelli lisci sarà tipicamente ricco di agenti idratanti e liscianti extra che aiutano a sigillare la cuticola e fornire un ottimo aiuto per gli stili lisci, mentre lo shampoo per capelli ricci è molto idratante e contiene ingredienti che riducono l’effetto crespo senza appesantire i riccioli. A voi la scelta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cerca
Categorie
dieta&bellezza su facebook dieta&bellezza su bloglovin dieta&bellezza su twitter
Copyright © 2007-2019 Dieta&Bellezza. All Rights Reserved.