Come Passare il Filo Interdentale Correttamente

Filo interdentale

“Mi raccomando, è importante usare il filo interdentale tutti i giorni!”

Il dentista non si stanca mai di ripeterlo, facendoci ricordare che il filo interdentale è l’alleato dei denti sani e della giusta igiene orale perché grazie al suo utilizzo si possono rimuovere la placca dentale e i residui di alimenti dai denti.

Non tutti lo ascoltano, perché passare il filo interdentale è considerato noioso, eppure la sensazione di freschezza e pulizia che si prova dopo averlo passato è impagabile. Ecco alcuni consigli per passare il filo interdentale nella maniera giusta, senza annoiarsi né fare danni.

Tutto sul Filo Interdentale

Filo interdentaleCom’è Fatto?

Se dovessi descrivere il filo interdentale a qualcuno che non l’hai mai visto potrei dire che si tratta di un nastro costituito da un insieme di filamenti di nylon o di plastica (teflon o polietilene), usato per rimuovere la placca dentale ed il cibo dai denti. (Grazie, Wikipedia).

Ne esistono diversi tipi, ma in ogni caso la sua dimensione è ridotta perché il filo deve essere in grado di passare anche fra i denti più stretti senza incontrare resistenza. Generalmente il filo interdentale è bianco o trasparente, ma esistono anche nastri blu e verdi.

A Cosa Serve?

Si tratta di uno strumento snobbato e sottovalutato dai più, ma essenziale per l’igiene orale e la salute della bocca. Il filo interdentale va inserito tra i denti, in posti che lo spazzolino non può pulire, per eliminare i residui di cibo e la placca dentale.

Il filo interdentale è in grado di eliminare circa il 70% dei residui di alimenti dei denti, e per questo motivo è di grande aiuto per prevenire carie, alitosi, gengivite e parodontite.

Sempre secondo Wikipedia, l’American Dental Association (ADA) consiglia l’uso del filo a partire dai 10 anni di età, una volta o più al giorno, prima della spazzolatura.

Come Si Passa?

Innanzitutto tira fuori il filo dalla confezione e taglialo quando la lunghezza ti sembra adatta; di solito 30 cm circa sono sufficienti per pulire tutta la bocca. In seguito afferra i capi del filo tra le mani e attorcigliali sugli indici per tenere il filo teso.

Poi inserisci il filo interdentale negli spazi fra i denti fino ad arrivare alla gengiva e disponilo a forma di C, abbracciando il dente, e poi tira verso l’alto facendo aderire il filo al dente. In ogni spazio tra i denti dovrai infilare il filo due volte, in modo da abbracciare e pulire entrambi i denti.

Come Scegliere il Filo Interdentale?

Esistono diverse tipologie e varianti di filo interdentale, per accontentare tutti i gusti e le esigenze. Eccone alcuni tipi:

  • filo interdentale cerato, ottimo per scivolare più agevolmente tra i denti
  • filo interdentale non cerato, più aderente
  • filo interdentale aromatizzato
  • filo interdentale non aromatizzato
  • filo interdentale di plastica
  • filo interdentale di nylon
  • filo interdentale di seta

Ricordati che il filo interdentale è la cosa migliore per eliminare i residui di cibo incastrati tra i denti, mentre gli stuzzicadenti rovinano la dentatura. Quindi ti consiglio di portare del filo interdentale nella borsa quando vai a cena fuori e di andare in bagno per risolvere gli eventuali problemi: i tuoi denti saranno più contenti, e il tuo sorriso anche!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cerca
Categorie
dieta&bellezza su facebook dieta&bellezza su bloglovin dieta&bellezza su twitter
Copyright © 2007-2022 Dieta&Bellezza. All Rights Reserved.